Storia e folklore: il mercato di Campo de’ Fiori

Tra un salto al Colosseo e un giro per i Musei Vaticani,non potrà certo mancare una sosta al mercato di Campo de’ Fiori, senza dubbio uno dei più belli della città, quello dove è custodita l’anima più autentica di Roma.

 

Situato nell’omonima piazza, che quasi tutti conoscono per aver fatto da sfondo al film con Aldo Fabrizi ed Anna Magnani, Campo de’ fiori ospita uno dei mercati più belli della città, quello che raccoglie lo spirito popolare.

Mentre di notte, la piazza diventa il punto di riferimento della movida cittadina, con i locali, i ristoranti e i pub aperti fino a tarda notte.

 

Una volta raggiunta la piazza del mercato, la domanda sorge quasi spontanea: a cosa deve il suo nome?

Sulle origini ci sono due ipotesi. Pare che il nome della piazza sia un omaggio a Flora, la donna amata dall’antico romano Pompeo.

La seconda versione della storia, invece, collega il nome direttamente all’origine della piazza: prima del 1456 la piazza non esisteva, e al suo posto sorgeva un campo di margherite, papaveri e fiori di prato.

Ma la piazza non è solo sinonimo di gioia, e nel suo passato troviamo anche episodi di storia piuttosto spiacevoli. Nella piazza sorge la statua di Giordano Bruno, il filosofo accusato di eresia che, nel febbraio del 1600 venne ucciso proprio a Campo de’ Fiori, teatro di molte esecuzioni capitali.

 

Ogni mattina, all’alba, la piazza silenziosa si riempie di bancarelle colorate. Quando le postazioni sono pronte e in ordine, le voci dei proprietari di bancarelle si uniscono a quelle dei visitatori che tra un saluto ed una chiacchiera iniziano a contrattare per portare a casa un bel bottino.

All’interno di questo magico mercato è possibile comperare frutta e verdura di stagione, prodotta a chilometro zero e venduta ad un prezzo più che onesto.

Giungendo sul luogo troverete, a seconda delle stagioni, i carciofi romani, i broccoli del luogo (dalla forma simile a quella del cavolfiore e di colore verde), gli spinaci, i finocchi, i funghi, le puntarelle: qualsiasi verdura vi verrà in mente, se il periodo è quello giusto, sarà presente al mercato di Campo de fiori.

Altri banchi espongono legumi, riso, frutta secca, noci e spezie, mentre vicino alla fontana ci sono le bancarelle dei fiorai.

Infine nei dintorni trovate anche negozi di gastronomia, panetterie e molto altro!

 

Campo dei Fiori è davvero il posto giusto per acquistare delle specialità romane o fare provviste per un bel pic-nic all’aria aperta: d’estate, se il tempo è bello, potrete rinfrescarvi consumando il vostro spuntino sul prato di uno dei numerosi parchi della città.