Una vista mozzafiato: la terrazza del Pincio

Settembre è un mese molto popolare a Roma e soprattutto la seconda metà è alta stagione.

A settembre, i romani devono innanzitutto riprendersi dalle vacanze. I musei preparano nuove mostre. La vita si svolge principalmente all’aperto.

Roma è la città dei monumenti, della storia, ma oltre a questo, la città è piena di punti panoramici…

Camminando per Via Gabriele D’Annunzio, si arriva alla fantastica Terrazza del Pincio di Villa Borghese con la sua vista mozzafiato. Piazza del Popolo dall’alto, le persone sembrano veramente minuscole da quell’altezza, la Cupola di San Pietro sembra veramente vicina e non puoi fare a meno di guardarla con occhi stupiti.

Tappa obbligata di ogni tour di “cose da vedere a Roma in un giorno”. In molti passano di qui, tra romani e turisti, e tra un selfie e un altro si dimenticano di fare attenzione a dove stanno passando.

Camminando per i suoi vialetti e giardini, se gli alberi e i sassi potessero parlare, ci racconterebbero una storia che inizia nell’Antica Roma. Curiosità, aneddoti e storie che hanno avuto come protagonista proprio la tanto amata e fotografata terrazza del Pincio di Roma.

È uno dei posti romantici di Roma, scenografia di film, romanzi e canzoni, teatro dell’antica Roma e giardino dai tanti segreti.

La terrazza del Pincio non ha bisogno di presentazioni. La sua vista panoramica su Roma è spettacolare. Sotto, Piazza del Popolo con le Cupole gemelle, lontano “il Cupolone” di San Pietro, intorno la meravigliosa Città Eterna.

Per la sua vista panoramica mozzafiato è indiscutibilmente una delle terrazze di Roma più famose e amate. Scenario perfetto per foto e selfie ricordo, è stata modernamente eletta anche uno dei posti instagrammabili migliori di Roma.

Questa terrazza è una meta irrinunciabile per chi si ferma qualche giorno nella città.

Grazie alla luce eccezionale dei tipici tramonti estivi romani, diviene una delle vedute più̀ invidiate al mondo!